Contro la crisi…l’Acquaponica

DiRedazione AquaGuide

Contro la crisi…l’Acquaponica

Davide Di Crescenzo Acquaponica

Dr. Davide Di Crescenzo

Oggi fattori economici, sociali e ambientali stanno diventando sempre più strutturali e stanno modificando rapidamente il panorama produttivo agroalimentare.
Ricordiamo ad esempio alcuni dei seguenti fattori sempre più al centro dell’opinione pubblica: l’inquinamento cittadino;
il costo crescente dell’energia; l’esigenza oramai irrinunciabile di risparmiare le preziose risorse idriche; la richiesta da parte del mercato di avere disponibili prodotti biologici sani, privi di residui di sostanze chimiche, come ad esempio quelle presenti nei concimi artificiali, nei pesticidi, negli ormoni e negli antibiotici (questi ultimi utilizzati negli allevamenti ittici); la domanda di alimenti naturali a “chilometri zero” per la loro reperibilità e freschezza e per contrastare l’inquinamento urbano causato del loro trasporto su gomma all’interno delle città.
Non solo in Italia ma anticipatamente nel mondo occidentale, si è generato nell’ultimo decennio un forte impulso a studiare sistemi integrati di allevamento e coltivazione che sfruttino le relazioni naturali sinergiche esistenti tra le piante e gli animali per ottenere produzioni di specie acquatiche e vegetali terrestri, con il minimo impatto ambientale antropico e rispettando la conservazione delle risorse idriche ed energetiche.

Grazie alla ricerca iniziata più di trenta anni fa prima negli Stati Uniti e successivamente in Australia, è diventato ora possibile produrre gamberi di acqua dolce anche nel proprio giardino di casa oppure allevare pesci commestibili o ornamentali coltivando al contempo ad esempio pomodori, zucchine, basilico ed insalata direttamente all’interno di strutture coperte in pieno centro storico cittadino, senza avere bisogno né di terra né di una fonte d’acqua consistente. Questo “miracolo” è stato reso possibile grazie alla messa a punto di efficaci sistemi a ricircolo e recupero dell’acqua che lavorano in perfetta sinergia con apparati biofiltranti vegetali in un regime completamente naturale.
I sistemi di ricircolo ecosostenibili così utilizzati possono essere dimensionati per poter soddisfare sia le esigenze alimentari ed economiche di una singola famiglia sia le aspettative più ampie di una produzione commerciale, indirizzata alla fornitura di specie acquatiche e vegetali commestibili ai mercati locali, ai supermercati, ai ristoranti e alle catene di distribuzione alimentare, garantendo loro una fornitura costante di alta qualità organolettica durante l’intera durata dell’anno.

 Se non visualizzi il documento seguente, scaricalo!

Info sull'autore

Redazione AquaGuide administrator

Il nostro obiettivo è quello di promuovere in maniera più ampia possibile l'Astacicoltura, l'Acquaponica e l'Acquacoltura biologica affinché i know-how di questi settori siano accessibili ad un pubblico più vasto ed eterogeneo , contribuendo a creare nuovi posti di lavoro e professionalità.

Web Hosting By Arvixe

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.